Introduzione alla fermentazione!

L’uomo nel suo cammino verso il progresso si è convinto sempre più della sua superiorità rispetto a tutto e a tutti,  e questo lo ha fatto   allontanare dalla sua dimensione naturale. Il ritmo di vita, nuovi sistemi di alimentazione, di preparazione e conservazione del cibo, l’inquinamento  ambientale del suolo dell’aria ed anche elettromagnetico, hanno alterato il suo equilibrio biologico e creato  nuove patologie sia fisiche che mentali. L’uomo moderno, nella sua ricerca di  modernità  ha rifiutato i legami col passato, cercando di liberarsi da credenze e  superstizioni. A tale scopo ha affidato  ciecamente il suo destino nelle mani di medici e scienziati che hanno promesso di avere risposte a tutto.  Purtroppo non si è tenuto conto che queste categorie sono sono schiave di interessi economici enormi, e spesso  perdono di vista, o negano  le soluzioni più facili perchè non economicamente interessanti o sfruttabili.  Negli ultimi anni però  si è evidenziata una maggiore sensibilità  verso argomenti naturali;  sempre più persone sentono il bisogno di un cambiamento di atteggiamento, e la ricerca di sistemi di vita, di nutrizione e di cura più naturali e compatibili con la loro natura.


Fermentare o non fermentare ... questo è il dilemma ....

Quando non esistevano sistemi  di conservazione   con il freddo,  per poter preservare il cibo venivano utilizzavati  i sistemi più svariati tra cui  la fermentazione. Tutte le culture fanno più o meno uso di  fermentati dal pane, al vino alla birra… Molti di questi  alimenti fermentati sono  riconosciuti per le loro caratteristiche benefiche come lo Yogurt, Miso,  Kefir, Kombucha etc.

Nella cultura Tailandese  la medicina tradizionale si basa principalmente sull’uso di particolari  fermentati di frutta e vegetali. Secondo questa concezione i microorganismi probiotici che si producono durante la speciale fermentazione prolungata , racchiudono ed  esasperano caratteristiche curative, disinfettanti e ricostituenti.  Stefano Abbruzzese un’italiano che vive in Tailandia  è venuto a contatto con questa realtà, e ne è rimasto completamente affascinato e coinvolto. Ha cercato così di portare a chi è rimasto nel bel paese,  la  sua esperienza e conoscenza sull’argomento.tramite una pagina Facebook (https://www.facebook.com/groups/143859002440406/)  in cui dispensa informazioni e consigli per tutti quelli che vogliono sperimentare questa tecnica. Gia' dal 2013 alcune  persone  interessate all'argomento hanno iniziato a lavorarci attivamente e a produrre fermentati  in Italia con ottimi risultati. Il gruppo più attivo è forse quello di "Semplicemente Fervida"  :

 https://www.facebook.com/groups/707742976046626/?fref=ts  .

In Tailandia, Pa Cheng  una Sig.ra Tailandese molto speciale che tra mille difficoltà, processi, ostacoli governativi, gestisce una piccola TV satellitare al solo scopo di diffondere e informare su questi miracoli della natura. A prezzi bassi, la signora Cheng, vende anche alcuni prodotti che potrebbero risolvere i problemi sanitari del mondo intero.  Vende tra l’altro  bottigliette di fermentati (12 anni) per la cura di ogni problema di vista, e fermentati molto potenti che si sono dimostrati  efficaci nella cura contro il cancro. Il lavoro della Sig.ra Cheng ha incuriosito  alcuni ricercatori della Chian Mai University, i quali hanno studiato i fermentati della Sig.ra Cheng ed hanno pubblicato i risultati in questo documento  che mostra la straordinaria presenza di elementi antiossidanti) .