Esistono in commercio i  prodotti EM@ che sono certamente di valore, anche se non vengono prodotti da frutta nobile, ma da parti vegetali di scarto e di fermentazione breve. Comunque efficaci per gli usi non terapeutici, suppongo.

————

COSA SONO I MICRORGANISMI  EFFETTIVI®

emI MICRORGANISMI  EFFETTIVI®

non sono composti da un singolo microrganismo, ma da un folto gruppo di microrganismi non modificati geneticamente ( in totale 10 generi di microrganismi ed 80 differenti specie ) che coesistono simbioticamente in un’unica miscela , fra i quali :

batteri della fotosintesi

 lieviti ( come quelli contenuti nella birra e nel pane )

batteri dell’acido lattico ( come quelli contenuti nello yogurt,  nel burro e nel formaggio )

La potenzialità di tali microrganismi esistenti in natura e la loro capacità di coesistere  in tale formula simbiotica è stata scoperta e sviluppata più di 25 anni fa da un pool di ricercatori , mossi dalla volontà di trovare prodotti alternativi ai fertilizzanti ed ai pesticidi usati nell’agricoltura tradizionale, sviluppando una cultura di microrganismi che promuovesse la vita, in alternativa all’utilizzo di composti chimici .

MICRORGANISMI  EFFETTIVI applicati all’agricoltura, hanno un ampio spettro di effetti :

• fissare l’azoto atmosferico

• rendere solubili sostanze nutritive

• sviluppare sostanza organica nel suolo, attraverso la fotosintesi

• migliorare le proprietà fisiche del suolo

• curare le malattie attraverso la produzione di antibiotici

• scomporre la sostanza organica presente nel suolo • rendere il cibo animale più digeribile

• eliminare i cattivi odori degli allevamenti

• contrastare i processi ossidativi

Sebbene questi meccanismi fossero già stati scoperti da alcuni scienziati,  il loro approccio era “unilaterale”, avendo essi studiato l’effetto di una singola specie di microrganismi su uno dei processi sopra menzionati.

La scoperta dei  MICRORGANISMI  EFFETTIVI® ha reso invece possibile affrontare uno svariato numero di problemi con una singola miscela di microrganismi.

Approfondimento sui MICRORGANISMI  EFFETTIVI

… … … …  Perché  “ Effettivi ”  ?

Il termine “ effettivi ”  è stato adottato non già nel suo comune significato di  “ effettivo ” (  vero , reale  ) ma per semplice assonanza con il termine inglese “ effective ”  ( utilizzato dal prof. Higa per descrivere gli  “ Effective Microrganisms ” della cui miscela è stato scopritore )  la cui corretta traduzione italiana è “ efficace ” , quindi   “ microrganismi efficaci ”                   ( letteralmente “ che producono un effetto ” ).

L’utilizzo dell’aggettivo “ effettivo ” permette di imprimere al marchio MICRORGANISMI  EFFETTIVI®

una chiara connotazione di unicità e di riconoscibilità , che trascende il semplice aggettivo  “ efficace ”.

Come già menzionato, i  MICRORGANISMI  EFFETTIVI®  non sono composti da un singolo microrganismo, ma da un folto gruppo di microrganismi non modificati geneticamente ( in totale 10 generi di microrganismi ed 80 differenti specie ) che coesistono simbioticamente in un’unica miscela . Fra i più importanti ricordiamo :

 • I batteri della fotosintesi

Sono microrganismi indipendenti ed autoBATTERIconservativi; essi ricostruiscono sostanze utili tramite la metabolizzazione delle secrezioni delle radici delle piante, del materiale organico e dei gas nocivi, ed utilizzano come sorgente di energia il sole ed il calore del terreno.  Le sostanze da loro prodotte contengono amminoacidi, acidi nucleici e sostanze biologicamente attive. Sintetizzano il glucosio, sostengono l’attività degli altri microrganismi facenti parte degli EM, ed utilizzano efficacemente i prodotti metabolici di altri microbi.

 I batteri dell’acido lattico

Producono l’acido lattico dallo zucchero e dai carboidrati che sono metabolizzati dai batteri della fotosintesi e dai lieviti. L’acido lattico è un forte sterilizzante che inibisce microrganismi dannosi e promuove la decomposizione accelerata del materiale organico

 • I lieviti Sintetizzano le sostanze antimicrobiche ed utili degli amminoacidi e degli zuccheri isolati dai batteri foto-sintetici. I lieviti producono ormoni ed enzimi che partecipano nella scissione cellulare e le loro secrezioni costituiscono un substrato utile per microrganismi attivi come gli acidi lattici e gli attinomiceti.

Nei MICRORGANISMI  EFFETTIVI®

convivono microrganismi aerobici ( che vivono in presenza di ossigeno ) ed anaerobici ( che si sviluppano in assenza di ossigeno ) . Nella miscela MICRORGANISMI  EFFETTIVI®; queste due tipologie di microrganismi, solitamente antagonisti , sono entrambe presenti in uno stato di convivenza anziché di concorrenza. Le sostanze prodotte dagli uni sono fondamentali per l’esistenza degli altri.

AEROBICOANAEROBICO

COME AGISCONO I MICROORGANISMI EFFETTIVI®?

L’attività dei MICRORGANISMI  EFFETTIVI®?

si basa sul principio della prevalenza o dominanza, secondo cui  in natura esistono 3 tipi di microrganismi :

• degenerativi o patogeni ( attraverso il processo ossidativi producono i radicali liberi )

• neutrali ( rappresentano la maggioranza )

Microrganismi ANAEROBICI

• rigenerativi ( ostacolano l’ossidazione, producendo sostanze antiossidanti )  secondo il principio della prevalenza, i microrganismi neutrali seguono il gruppo predominante, cosiddetto “leader”.

I MICRORGANISMI  EFFETTIVI®

, che appartengono al gruppo dei microrganismi rigenerativi,  quando vengono applicati correttamente rimpiazzano i microrganismi degenerativi assumendo così la leadership, e trascinano nella propria direzione i microrganismi neutrali ( che diventano loro alleati ) . In tal modo essi originano un ambiente rigenerativo ( pro-biotico ) con un processo auto-generante nel tempo.  I MICRORGANISMI  EFFETTIVI®

laddove applicati,  migliorano effettivamente ed efficacemente l’ambiente microbiologico.  I MICRORGANISMI  EFFETTIVI®

favoriscono la fermentazione utile ( c.d. maturazione ) a discapito della fermentazione nociva ( c.d. putrefazione ) de-componendo molecole complesse e generando al contempo prodotti metabolici come antibiotici, enzimi ed antiossidanti.